g
4

IVA al 22%: ora commissioni al 19,9%

Buonasera a tutti,

Vorrei con voi un confronto in merito all’aggiunta dell’IVA sulle commissioni di Booking per chi come me non ha la P.iva. Per chi non lo sapesse, dal 1 maggio all'importo della commissione viene aggiunto il 22%.

Quindi, per chi aveva la commissione al 15%+1,3% di costi di transazione = 16,3%, il costo di commissione+costi+iva adesso diventa il 19,9%.

Trovo questo comportamento estremamente scorretto per 2 ragioni:

1) il mancato giusto preavviso (1 mese è poco tempo per permettere a un host di organizzarsi);

2) questa applicazione dell’IVA al 22% è retroattiva: vale anche per le prenotazioni già concordate (o meglio, confermate) nei mesi precedenti. (Es. se un ospite ha prenotato a Novembre 2022 per Giugno 2023, Booking applicherà comunque questa variazione e cambierà gli importi già concordati).

Voi che ne pensate? Come vi state muovendo?

Grazie in anticipo.

Giulia


d
3
DAVIDE CAMPORA 11 mesi fa

Buongiorno, quando il prossimo anno pagherò la cedolare secca mi comporterò cosi:

1) prenotazioni senza addebito IVA: dichiaro l'intera cifra pagata dal cliente

2) prenotazioni con addebito IVA:

dichiaro la cifra pagata dal cliente meno commissioni e transazioni , meno IVA su commissioni e transazioni.

Cordiali saluti, 

Davide

g
4
Giulia 11 mesi fa

Ciao Davide,
intanto grazie per la tua risposta.
Invece, per il fatto che l'applicazione dell’IVA al 22% è retroattiva, ossia vale anche per le prenotazioni già concordate (o meglio, confermate) nei mesi precedenti (es. se un ospite ci ha prenotato a Novembre 2022 per Giugno 2023, Booking applicherà comunque questa variazione e cambierà gli importi già concordati), come ti comporti? Lo fai presente a Booking che questo comportamento non è per niente corretto verso noi Partner, oppure no?

Fammi sapere, ti ringrazio.
Giulia

 

d
3
DAVIDE CAMPORA 11 mesi fa

Ciao Giulia, per la denuncia dei redditi io faccio riferimento alle prenotazioni (a prescindere dalla data di prenotazione) che ricadono nei 365gg anno solare per cui 1 gennaio - 31 dicembre. Anche io ho casi in cui hanno prenotato prima che sapessimo dell'IVA , ma secondo me non cambia molto , se alzi il prezzo si alza l'IVA. Comunque secondo me se le commissioni sono con l'iva io non dichiarerò quella parte ma solo il bonifico ricevuto. Booking non cambia l'importo concordato , ci fa un bonifico più basso perchè ci fa pagare l'IVA, ma dichiarando il bonifico ricevuto e non la cifra pagata dal cliente secondo me ci guadagnamo. Vedi un mio post con esempio di calcolo di un paio di settimane fa e scoprirai che incassi di meno ma paghi meno tasse e alla fine ci gusdagni 2 spiccioli ma non ci rimetti. Saluti, Davide

g
4
Giulia 11 mesi fa

Dove trovo il tuo post?
Per favore, mandami link, così posso leggerlo.
Ti ringrazio ancora!
Un caro saluto,
Giulia

d
3
DAVIDE CAMPORA 11 mesi fa

Ciao Giulia, io non ho partita IVA e chiedendo a commercialista e amica che lavora all'agenzia entrate mi hanno detto che il ragionamento é corretto. L'unica cosa che è errata nel conto sotto è che non pensavo che booking mettesse IVA anche sulle transazioni bancarie, ma non sposta il risultato.

 

Esempio: prenotazione 720,80 euro importo soggetto a commissioni con IVA

Commissioni 108,8+ 22% di iva=132.73

spese bancarie 9,37

Bonifico ricevuto da booking 720,80-132.73-9,37=578,70

Cifra da  dichiarare con cedolare 720,80-132,73=588,07

cedolare 588,07x0,21= 123,49

Guadagno netto 588,07-123,49=464,58

Prima che ci addebitasse l'iva ipotesi stessa prenotazione nel 2021

Bonifico ricevuto: 720,80-108,80-9,37=602,63

cedolare 720,80x0,21=151,36

guadagno netto 602,63-151,36=451,27

In pratica ora ci guadsgnamo 464,58-451,27=13,31 euro in più e booking paga le tasse come qualunque commerciante che fa pagare al cliente l'iva e poi la versa.

Questo mi è stato detto da commercialista e agenzia entrate.

Buona serata a tutti,

Davide

 

a
1
Andrea Siciliano 10 mesi fa

Ciao, grazie per il messaggio ma secondo me il tuo conto è incorretto. In particolare, a parte le tasse sulle commissioni bancarie che citavi e che come dicevi vanno applicate, nel calcolo che facevi sull’esempio di prenotazione  pre applicazione IVA 22% , nel guadagno netto (calcolo cedolare secca) consideravi l’importo totale pagato dal cliente, senza sottrarre le commissioni booking a monte. Questo differenza (corretta) la fai invece nel calcolo

successivo post applicazione IVA. 
La differenza (in negativo e non in positivo) è quindi ben più che trascurabile.

Consiglio di far reclamo a booking tramite il seguente link per l’applicazione di una tassa che non dovremmo essere tenuti noi a pagare . Ecco il link:

 

https://secure.booking.com/dispute_resolution.it.html?utm_source=partne…  

 

 

Saluti

d
3
DAVIDE CAMPORA 10 mesi fa

Ciao Andrea , mi sono corretto in post successivo, in pratica quello che paga il cliente è ciò che bisogna dichiarare con la cedolard secca. Quindi con l'applicazione iva le commissioni come costo nostro aumentano fino al 19% circa.

saluti,

Davide

n
1
Nicola Moretti 9 mesi fa

Ciao Andrea,

inoltre ho notato che applicano tale tassazione anche a fatture antecedenti al 1 maggio.

 

d
3
DAVIDE CAMPORA 11 mesi fa

Ciao Giulia, per la denuncia dei redditi io faccio riferimento alle prenotazioni (a prescindere dalla data di prenotazione) che ricadono nei 365gg anno solare per cui 1 gennaio - 31 dicembre. Anche io ho casi in cui hanno prenotato prima che sapessimo dell'IVA , ma secondo me non cambia molto , se alzi il prezzo si alza l'IVA. Comunque secondo me se le commissioni sono con l'iva io non dichiarerò quella parte ma solo il bonifico ricevuto. Booking non cambia l'importo concordato , ci fa un bonifico più basso perchè ci fa pagare l'IVA, ma dichiarando il bonifico ricevuto e non la cifra pagata dal cliente secondo me ci guadagnamo. Vedi un mio post con esempio di calcolo di un paio di settimane fa e scoprirai che incassi di meno ma paghi meno tasse e alla fine ci gusdagni 2 spiccioli ma non ci rimetti. Saluti, Davide

m
1
Maria Pini 9 mesi fa

Però attenzione Davide, se paghi le tasse in regime di cedolare secca questo non puoi farlo perché non puoi scaricare i costi relativi all'attività, di nessun genere e quindi neanche le commissioni. Puoi farlo solo in regime di tassazione progressiva, nella quale è prevista la decurtazione dei costi per definire la base tassabile.

Buon lavoro

Maria

e
1
Elisabetta Onesi 9 mesi fa

Buongiorno Maria,

ma quindi se aprissi partita Iva porrei scaricare dalle tasse le commissioni booking?

d
3
DAVIDE CAMPORA 9 mesi fa

Buongiorno Maria, grazie del messaggio, ma hai risposto ad un messaggio datato, poi mi sono corretto. Non so quale sia il criterio di presentazione dei messaggi che non sono in ordine cronologico.

Comunque con cedolare secca si dichiara quello che paga il cliente senza dedurre nulla, l'iva che diamo a booking è un costo aggiuntivo al 100%.

Se si apre partita iva si scaricano le spese ma il reddito fa cumulo e cambia l'aliquota...non so quanto convenga se non si fa di professione.

Buona giornata

Davide

 

g
1
Giovanna Brugnacchi 10 mesi fa

Io ho il pagamento in struttura, booking mi addebita la commissione  mensilmente. Sono in difficoltà per l'aggiunta dell'IVA al 22%. Come calcolarla nella denuncia dei redditi? 

d
3
DAVIDE CAMPORA 10 mesi fa

Buonasera a tutti,

ho fatto un ulteriore passaggio all'agenzia delle entrate con carte alla mano chiedendo chiarimenti. Per chi come me non ha partita iva la dichiarazione dei redditi non cambia. Se il cliente paga 500 euro si dichiara un entrata di 500 euro su cui si paga il 21% di cedolare secca come gli scorsi anni.

La differenza rispetto agli scorsi anni è che i nostri guadagni si ridurranno dell'importo corrispindente all' iva che paghiamo a booking su commissioni e transazioni.

Considerando che su 500 euro Booking ci fa pagare circa 80 euro di commissioni/transazioni le commissioni dal 16.3% passano a oltre il 19% come correttamente già detto da qualcuno.

Penso che dovremo farcene una ragione o rivolgerci ad altra piattaforma. Personalmente non sono convinto del fatto che altre piattaforme siano complessivamente più convenienti.

Un caro saluto a tutti,

Davide

 

e
1
Elisabetta Onesi 10 mesi fa

Allora l'esempio che facevi prima in cui sottraevi la commissione per il calcolo del 21% non è giusto?

d
3
DAVIDE CAMPORA 10 mesi fa

Ciao Elisabetta, putroppo era sbagliato, per questo ho voluto rettificare post verifica.

saluti

Davide

b
1
Bargoncello 9 mesi fa

Io penso che bisogna dichiarare importo versato in banca da booking,ossia gia trattenuto da importo di commissione ,di transazione e di iva....

d
3
DAVIDE CAMPORA 10 mesi fa

Giovanna, basta che per ogni prenotazione verifichi quanto paga il cliente, quello è ciò che bisogna dichiarare.

Cordiali saluti,

Davide

b
1
Bargoncello 9 mesi fa

Si,sempre però che il pagamento avvenga in struttura

g
1
Giovanna Brugnacchi 10 mesi fa

Sottoscrivo pienamente. Sono nella stessa situazione. Penso che ci sia poca attenzione per le situazioni specifiche e che prevalga una generale omologazione ad un modello unico. A scapito nostro! 

a
1
Andrea Siciliano 10 mesi fa

Buongiorno.

Suggerisco a tutti i lettori ed interessati all’argomento di aprire un reclamo/controversia per l’applicazione unilaterale da parte di booking di questo costo ingiustificato.

Per reclamo ed eventuali rimborsi il link è questo:

 

https://secure.booking.com/dispute_resolution.it.html?utm_source=partne…  

Copiate e incollate il link, specificate ID della struttura, reclamo per commissioni e dovreste venire ricontattata ti.

 

Saluti

g
1
GIACHI LEONARDO 10 mesi fa

Salve, anche io come voi gestisco una casa vacanze senza la partita IVA, credo che il reclamo dovrebbe riguardare non tanto (o quantomeno non solo) l'applicazione dell'IVA da parte di booking sulle commissioni e i costi sulle transazioni bancarie, ma il fatto che in base ai messaggi precedenti di DAVIDE CAMPORA, sia il commercialista, sia l'agenzia delle entrate abbiano confermato che in dichiarazione dei redditi per il calcolo della cedolare secca 21% vada dichiarato il lordo (cioè quanto pagato dal cliente) e non il netto (cioè quello che effettivamente incasso dal bonifico effettuatomi da booking dopo avere trattenuto la sua commissione).

Mi sembra un'assurdità dover pagare le tasse (21% cedolare secca) su quello che effettivamente non incassiamo, ovvero la commissione e il costo di transazione che booking applica.

Considerando che con la cedolare secca si deve tener conto di quanto pagato dal cliente senza poter sottrarre le commissioni di booking, a questo punto mi domando se possa essere più conveniente essere titolari di partita IVA, cosa ne pensate?

d
3
DAVIDE CAMPORA 10 mesi fa

Ciao Leonardo, sinceramente non lo so, ho proposto questa possibilità (aprire partita IVA) al mio contatto all'agenzia ma mi è stato detto che non sarebbe conveniente, non ho valutato la cosa a fondo,

Cordiali saluti,

Davide

g
1
GIACHI LEONARDO 9 mesi fa

Ciao Davide, grazie per la tua risposta.

E per il fatto che, per chi come noi non ha partita IVA, in dichiarazione dei redditi deve essere dichiarato quello che paga il cliente e su questo si paga il 21% di cedolare secca senza poter sottrarre le commissioni con relativi costi di transazione bancaria e da adesso anche l'IVA su di essi applicata?

In questo modo andiamo a pagare la cedolare secca anche su quello che in realtà per noi non costituisce un'entrata, ma un'uscita considerato che il bonifico che booking effettua a nostro favore è al netto della sua commissione... Non si comprende perché ai fini reddituali si debba tener conto di quanto pagato dal cliente e non dell'ammontare del bonifico effettuato a nostro favore da booking visto che è quest'ultimo quello che percepiamo realmente...

Grazie per l'attenzione, saluti

Leonardo

d
3
DAVIDE CAMPORA 9 mesi fa

Ciao Leonardo, la cifra che paga il cliente è il nostro "incasso" , le commissioni e l'iva che paghiamo a booking, sono per noi un costo, come lo sono luce acqua gas e spazzatura, che non detraiamo, in quanto con la cedolare secca non si possono detrarre.

Non so quanto convenga aprire partita iva per scaricare le spese. Se affittassimo con partita iva l'iva la pagheremmo comunque noi.

Buona serata

Davide

b
1
Bargoncello 9 mesi fa

Ma non è così,noi dobbiamo pagare la tassa sul reddito percepito netto,perchè abbiamo già pagato,booking ha già trattenuto...

 

d
3
DAVIDE CAMPORA 9 mesi fa

Ciao, purtroppo il fatto che booking si faccia pagare per procacciare i clienti per noi è un costo come l' lMU , la spazzatura etc.. Per comodità possiamo farci trattenere le spese direttamente , ma volendo booking ci gira il totale pagato dal cliente, poi ci fa la fattura per il suo lavoro con iva, che si puó pagare a parte.

L'iva è una tassa che deve versare booking sul suo servizio e che paga chi usufruisce ("compra") il servizio.  Se comperi un paio di scarpe il commerciante versa l'iva ma mica la paga lui, sei tu che la dai a lui perchè la deve versare.....se la versa...

Si tenga anche conto che se avessimo partita IVA, il guadagno farebbe cumulo con stipendio o pensione e l'aliquota aumenterebbe, ma potremmo dedurre le spese, la cedolare non consente di dedurre ma le tasse sono il 21%. Ognuno ha una situazione diversa da valutare caso per caso.

Spero di essere stato chiaro nell'esprimere ciò che ho capito.

Saluti a tutti

d
3
DAVIDE CAMPORA 9 mesi fa

Ciao, purtroppo il fatto che booking si faccia pagare per procacciare i clienti per noi è un costo come l' lMU , la spazzatura etc.. Per comodità possiamo farci trattenere le spese direttamente , ma volendo booking ci gira il totale pagato dal cliente, poi ci fa la fattura per il suo lavoro con iva, che si puó pagare a parte.

L'iva è una tassa che deve versare booking sul suo servizio e che paga chi usufruisce ("compra") il servizio.  Se comperi un paio di scarpe il commerciante versa l'iva ma mica la paga lui, sei tu che la dai a lui perchè la deve versare.....se la versa...

Si tenga anche conto che se avessimo partita IVA, il guadagno farebbe cumulo con stipendio o pensione e l'aliquota aumenterebbe, ma potremmo dedurre le spese, la cedolare non consente di dedurre ma le tasse sono il 21%. Ognuno ha una situazione diversa da valutare caso per caso.

Spero di essere stato chiaro nell'esprimere ciò che ho capito.

Saluti a tutti

m
1
Maria Pini 9 mesi fa

Buongiorno Leonardo, è possibile detrarre tutti i costi relativi all'attività: utenze, internet, abbonamenti televisivi, Tari, amministrazione, forniture, lavanderia, prodotti per le pulizie, riparazioni, accessori, affitti, costi bancari, e quindi commissioni, se anziché la cedolare si sceglie il regime di tassazione progressiva che va per scaglioni di reddito sul netto: 23% sui primi 15000, 27% da 15001a 28000, 38% da 28001 a 55000 e 41% sulla parte eccedente i 55000. Se si hanno tanti costi e il venduto si attesta entro i 28000/30000 euro conviene questa formula, sempre che non ci siano altri redditi che farebbero cumulo e farebbero salire di scaglione.

Maria

m
1
Maria Pini 9 mesi fa

Buongiorno, la scorsa settimana ho contattato Booking facendo presente che nell'indicarci i nostri costi di prenotazione non compare l'addebito IVA e tantomeno compare nella dichiarazione di pagamento fino a quella di aprile, che invece, essendo fatturata a maggio, subisce l'addebito IVA, per cui non c'è trasparenza nel rapporto commerciale: io ho un incasso atteso che in realtà viene decurtato del 3,886%, non poco. Con questo scherzo non annunciato ho già subito un minor incasso inatteso di oltre 1000 euro. Peraltro ho fatto anche presente che le commissioni bancarie sono esenti IVA per cui ci addebitano lo 0,286% in più, poca roba individualmente, ma un' enormità su scala nazionale. L'operatrice, seraficamente, mi ha risposto che non hanno ricevuto reclami sulle tempistiche di comunicazione dei nuovi addebiti e tantomeno sulla presunta scorrettezza commerciale. Se ci facessimo sentire di più, perlomeno sulla retroattività, pretendendo di ricevere quanto concordato alla prenotazione, visto che la piattaforma incassa subito dai nostri clienti, e non il mese successivo al check out, magari qualcosina riusciamo ad ottenerlo.

Maria

 

e
1
Elisabetta Onesi 9 mesi fa

Scusate ma non ho capito una cosa. Se aprissi partita Iva potrei scaricare dalle tasse le commissioni booking? 

c
1
Casa Paradise 7 mesi fa

Buongiorno 

sono proprietario di una casa vacanza , no partita IVA

qualcuno mi aiuta a capire se si può inseirre nella dichiarazione dei redditi i costi vivi dell'atitvità?

mi riferisco utenze, internet, abbonamenti televisivi, Tari, amministrazione, forniture, lavanderia, prodotti per le pulizie, riparazioni, accessori, affitti, costi bancari ecc?

Grazie